In questi giorni Bethesda ha rilasciato con una cadenza regolare una serie di post sui propri canali Social.
In questi post vengono illustrati in modo chiaro le fazioni principali presenti nel territorio dell’Appalachia, in Fallout 76.

Come già confermato dalla casa videoludica produttrice, Fallout 76 non presenterà NPC umani, sostituiti da robot, ghoul e supermutanti pacifici.
Le immagini seguenti riportano quindi i personaggi di veri giocatori, completi di Pipboy al braccio, che impersonano personaggi della storia di Fallout 76 ormai deceduti o nascosti ai nostri occhi.

Come Rose, capo dei Raiders. Secondo i gameplay rivelati sembra parlarci dalla sommità del Top of the World (Cima del mondo), un edificio sopraelevato dal quale ci osserva, senza darci la possibilità di interagire in altro modo con lei.

Potremo comunque fondare fazioni che portino avanti il nome e gli ideali delle seguenti, d’altronde saremo noi i pionieri del West Virginia.



Confraternita d’Acciaio

cda Falloout 76

“Novembre 2077, un mese dopo la Grande Guerra, il capitano dell’esercito Roger Maxson arrivò con i sopravvissuti al bunker Californiano di Lost Hills. Lì formò la Confraternita d’Acciaio, che usò un satellite funzionante per estendere la loro portata attraverso l’America…fino all’Appalachia.”

Raiders

Raiders Fallout 76

“Spietati. Egoisti. Sanguinari. Dal giorno in cui sono cadute le bombe, i Raiders sono stati il flagello della landa desolata. In Appalachia, Rose è il loro capo enigmatico. Ma chi è? E cosa spera di ottenere mentre osserva la carneficina dal suo posto?”




Responders

Responders Fallout 76

“In tutta l’America, furono i primi a affrontare il pericolo: i coraggiosi vigili del fuoco, gli agenti di polizia e i medici professionisti che servivano disinteressatamente le loro comunità. Dopo la caduta delle bombe, formarono i Responders. La loro missione: aiutarsi l’un l’altro…indipendentemente dal costo.”

Free States

Freestates Fallout 76

“Il 23 ottobre 2077, il mondo sprofondò nella guerra nucleare. Ma cosa sarebbe successo se ti fossi aspettato il peggio? E se lo avessi previsto? In Appalachia, un gruppo di survivalisti ha fatto esattamente questo. Organizzati come i Free States, si sono rintanati nei loro bunker. E sono sopravvissuti. Almeno per un po’…”

“Il survivalismo è un movimento di persone o gruppi (chiamati survivalisti o prepper) che si preparano attivamente per le emergenze, future o eventuali, comprese possibili interruzioni o profondi mutamenti dell’ordine sociale o politico, sia su scala locale che internazionale. I survivalisti hanno spesso una formazione che riguarda le emergenze mediche, l’autodifesa, l’approvvigionamento di scorte alimentari e acqua, l’autosufficienza logistica tramite la costruzione di strutture per sopravvivere o nascondersi, come per esempio un rifugio sotterraneo e la preparazione di equipaggiamento dedito alla sopravvivenza.”




Enclave

Enclave Fallout 76

“Poco prima che le bombe caddero, la leadership statunitense si trasferì su una piattaforma petrolifera remota al largo della costa di San Francisco. La missione dell’Enclave: ristabilire il controllo governativo dell’America da posizioni chiave, come un bunker segreto nascosto da qualche parte negli Appalachi…”

Per i simpatizzanti della Confraternita d’Acciaio e l’Enclave, riportiamo qui il link della Teoria Tracce di Enclave, Confraternita d’Acciaio e Responders.

Entrate a far parte della Community di Fallout 76 Italia, il primo Social Network interamente dedicato a Fallout 76.
Create il vostro gruppo e postate i vostri risultati attraverso video e immagini, consultate il Forum e incontrate altri sopravvissuti del West Virginia!
Inoltre, non appena raggiungeremo abbastanza iscritti, organizzeremo dei CONTEST A PREMI tra i vari gruppi/fazioni/clan! (link alla Pagina di Registrazione)

 

Pin It on Pinterest

Share This